Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 942
Menu

Il macedone è la lingua più antica del mondo?

[Traduzione da The Culture Trip] di Lani Seelinger

Non è certo che la lingua parlata dai macedoni sia una delle più antiche, anche se la questione sulla sua classificazione sia un dibattito molto acceso. Molti sostengono fermamente che il macedone non sia una vera e propria lingua ma un dialetto bulgaro; mentre altri sostengono che non dovrebbe neanche essere definito “macedone” (perché così è chiamata anche la regione della Grecia settentrionale). Ma non preoccupatevi, ci siamo qui noi alle prese con i dubbi più intricati cercando di svelare la storia della lingua.

Skopje, la capitale della Macedonia, è un luogo affascinante. La vegetazione che la circonda le da un tono mediterraneo, anche se il paese non ha fughe sul mare. Gli edifici più famosi, o quelli che si pensano essere i più famosi, hanno un aspetto ellenico. Affianco possiamo trovare altri tipi di edifici caratteristici di tutti i paesi che hanno fatto parte del blocco comunista nel Centro e nell’Est Europa. Incollato a questi edifici e su tutta la flora mediterranea, c’è un segno concreto che ti informa di essere in un paese slavo: l’alfabeto cirillico. A Skopje si può trovare la statua degli uomini che inventarono l’antico alfabeto cirillico, e solo in seguito scrissero il loro nome. Tra le bianche colonne, tra le statue di bronzo di re e guerrieri in tunica, ci sono due figure barbute con un aspetto religioso, con in mano simboli che dimostrano la loro posizione: un bastone da pastore e un libro. Questi due uomini sono i Santi Cirillo e Metodio, adorati in tutto il mondo slavo per il loro contributo verso le lingue e le persone che parlano le diverse varianti.

Attualmente, gli esperti tendono a suddividere le lingue slave in tre sottogruppi: il ramo orientale che comprende russo, ucraino e bielorusso; il ramo occidentale con ceco, slovacco, polacco e diverse lingue minoritarie; e quello meridionale che comprende le lingue dell’ex Jugoslavia (sloveno, croato, serbo, bosniaco e montenegrino), il bulgaro e il macedone. All’epoca di Cirillo e Metodio, nel IX secolo, queste lingua avevano appena iniziato a differenziarsi. Ai due futuri santi, proveniente dalle zone intorno alla Tessalonica nell’allora Impero Bizantino, fu dato un compito gigantesco: cristianizzare gli slavi di Moravia. Se attualmente il nome descrive la regione sud orientale della Repubblica Ceca, allora descriveva un’area che si estendeva dalla Polonia meridionale all’Ungheria occidentale. Essendo loro stessi slavi, i due monaci erano ben equipaggiati per confondersi con i loro fratelli settentrionali. Loro riuscirono anche in ciò che nessun slavo settentrionale era riuscito a fare: tradurre la Bibbia in una lingua comprensibile alle masse non ancora convertite.

Ma nessuna versione della lingua slava fu codificata e scritta. Fu prima necessario creare un linguaggio capace di catturare il loro suono. Lo fecero attraverso l’alfabeto glagolitico, che assomiglia al runico o un po’ toulkiniano, all’occhio moderno. Questo si evolse nel più semplice ed ugualmente funzionale alfabeto cirillico, che attualmente è l’alfabeto standard un molti paesi slavi, inclusi quelli dell’ex     Unione Sovietica, anche l’attuale Macedonia. Utilizzando il precursore del cirillico, scrivevano una lingua ora conosciuta come antico slavo ecclesiastico. La lingua che i Santi Cirillo e Metodio codificarono e usarono per tradurre la Bibbia era essenzialmente quella da loro parlata, che al tempo era mutualmente intellegibile, anche se non era un dialetto simile, dagli Salvi di Moravia. È difficile dare un nome a questo dialetto. I santi erano salvi della Macedonia greca, non del territorio appartenente all'attuale Stato; né da quella che oggi è la Bulgaria. Bisogna ricordare che nel IX secolo due slavi da una di queste tre aree erano capaci di capirsi l’un l’altro. Da quel momento in poi, le lingue slave si sono così differenziate che un macedone, andando in Moravia, riuscirebbe a capire qualche ingrediente nei menù, non di più. Invece se viaggiasse in Bulgaria, le cose andrebbero meglio. Le lingue sono così simili che non tutti i bulgari riconoscono il macedone come lingua a sé, preferendo considerarlo un dialetto bulgaro. Infatti, per molto tempo, gli abitanti che abitavo quello che attualmente è chiamata Macedonia avrebbe detto la stessa cosa. Si riferivano alla loro lingua chiamandola bulgara, anche se differente abbastanza da far sì che nel XIX secolo, forti dissapori sfociarono in un tentativo di codifica unificata. Gli intellettuali bulgari rifiutarono in toto tutti i tentativi di unificazione di una lingua macedo-bulgara. L’appello per trovare un nome diverso per la lingua divenne più forte e persistente con l’ideale sempre più grande di una nazione macedone indipendente. Ciò non significa che in precedenza la lingua macedone non esistesse. I ripetuti appelli ebbero una risonanza solamente dopo la Prima Guerra Mondiale e la lingua macedone nella sua forma moderna fu codificata solamente dopo il 1944. Sin dalle prime agitazioni del nazionalismo macedone, la questione Macedonia e lingua annessa andò a invischiarsi con la battaglia politica. “Political views on the Macedonian language” ha persino la sua pagina su Wikipedia. Politica a parte, però, la codifica rifletteva la lingua che le persone parlavano già.

Quando cerchiamo di dare una risposta alla domanda su quale sia la diretta discendete dell’antico slavo ecclesiastico, quella più corretta sarebbe sia ilo Macedone sia il Bulgaro. Dopotutto, entrambe occupano il loro ramo della famiglia linguistica slava. Entrambi hanno mantenuto degli elementi persi dalla maggior parte delle lingue slave: gli articoli, ad esempio, così come l’approccio con i verbi. Il loro vocabolario sembra assomigliare a quello appartenente alle lingue slave orientali come il Russo, anche se la loro posizione geografica li dovrebbe collocare più vicino alla lingue slave meridionali come il Serbo.

 

Il macedone e il bulgaro si sono sviluppati diversamente rispetto ad altre lingue slave, un’evoluzione cominciata proprio durante la decisione di Cirillo e Metodio di creare l’alfabeto della loro dialetto nativo. Quando l’antico slavo ecclesiastico venne alla luce, esisteva una sola lingua dove ora ne esistono due.  Dando un’occhiata in giro per Skopje potremmo pensare, in parte, che alcuni simboli sono stati rubati altrove, come le colonne greche o i due santi. Sebbene nessuno discuta sull'indipendenza del paese, ci sono ci sono ancora dei focolai di battaglie politiche per tutta la Macedonia, anche se non si sospetterebbe mai camminando per la capitale e passando davanti ai due santi. Chissà se hanno percorso il lungofiume dove ora si trova il monumento a loro dedicato mentre percorrevano la loro strada per la Moravia? Non la avrebbero certamente chiamata casa, ma in questo caso i macedoni, così come i bulgari e greci la rivendicherebbero come loro.

ISSELservice

Via Trieste 4,

19020, Follo (SP)

Italia

Tel. (+39) 0187 941414

Fax (+39) 0187 941420

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sui Cookie

 

Cookie

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie. I cookie sono piccole porzioni di dati che ci permettono di confrontare i visitatori nuovi e quelli passati e di capire come gli utenti navigano attraverso il nostro sito. Utilizziamo i dati raccolti grazie ai cookie per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.

I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali  dati identificabili non verranno memorizzati. Se si desidera disabilitare l'uso dei cookie è necessario personalizzare le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l'applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione.

Visita AboutCookies.org per ulteriori informazioni sui cookie e su come influenzano la tua esperienza di navigazione.

I tipi di cookie che utilizziamo

Cookie indispensabili

Questi cookie sono essenziali al fine di consentire di spostarsi in tutto il sito ed utilizzare a pieno le sue caratteristiche, come ad esempio accedere alle varie aree protette del sito. Senza questi cookie alcuni servizi necessari, come la compilazione di un form per un concorso, non possono essere fruiti.

Performance cookie

Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano un sito web, ad esempio, quali sono le pagine più visitare, se si ricevono messaggi di errore da pagine web. Questi cookie non raccolgono informazioni che identificano un visitatore. Tutte le informazioni raccolte tramite cookie sono  aggregate e quindi anonime. Vengono utilizzati solo per migliorare il funzionamento di un sito web.
Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che tali cookie possono essere installati sul proprio dispositivo.

Cookie di funzionalità

I cookie consentono al sito di ricordare le scelte fatte dall’utente (come il nome, la lingua o la regione di provenienza) e forniscono funzionalità avanzate personalizzate. Questi cookie possono essere utilizzati anche per ricordare le modifiche apportate alla dimensione del testo, font ed altre parti di pagine web che è possibile personalizzare. Essi possono anche essere utilizzati per fornire servizi che hai chiesto come guardare un video o i commenti su un blog. Le informazioni raccolte da questi tipi di cookie possono essere rese anonime e non in grado di monitorare la vostra attività di navigazione su altri siti web.
Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che tali cookie possono essere installati sul proprio dispositivo.

Come gestire i cookie sul tuo PC

Se si desidera consentire i cookie dal nostro sito, si prega di seguire i passaggi riportati di seguito,

Google Chrome
1. Clicca su "Strumenti" nella parte superiore della finestra del browser e selezionare Opzioni
2. Fai clic sulla scheda 'Roba da smanettoni' , individua la sezione 'Privacy', e seleziona il pulsante "Impostazioni contenuto"
3. Ora seleziona 'Consenti dati locali da impostare'

Microsoft Internet Explorer 6.0, 7.0, 8.0, 9.0
1. Clicca su "Strumenti" nella parte superiore della finestra del browser e seleziona 'Opzioni Internet', quindi fai clic sulla scheda 'Privacy'
2. Per attivare i cookie nel tuo browser, assicurati che il livello di privacy è impostato su Medio o al di sotto,
3. Impostando il livello di privacy sopra il Medio disattiverai l’utilizzo dei cookies.

Mozilla Firefox
1. Clicca su "Strumenti" nella parte superiore della finestra del browser e seleziona “Opzioni”
2. Quindi seleziona l'icona Privacy
3. Fai clic su Cookie, quindi seleziona 'permetto ai siti l’utilizzo dei cookie'

Safari
1. Fai clic sull'icona Cog nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l'opzione "Preferenze"
2. Fai clic su 'Protezione', seleziona l'opzione che dice 'Blocco di terze parti e di cookie per la pubblicità'
3. Fai clic su 'Salva'

Come gestire i cookie su Mac
Se si desidera consentire i cookie dal nostro sito, si prega di seguire i passaggi riportati di seguito:

Microsoft Internet Explorer 5.0 su OSX
1. Fai clic su 'Esplora' nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l’opzione "Preferenze"
2. Scorri verso il basso fino a visualizzare "Cookie" nella sezione File Ricezione
3. Seleziona l'opzione 'Non chiedere'

Safari su OSX
1. Fai clic su 'Safari' nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l'opzione "Preferenze"
2. Fai clic su 'Sicurezza' e poi 'Accetta i cookie'
3. Seleziona “Solo dal sito”

Mozilla e Netscape su OSX
1. Fai clic su 'Mozilla' o 'Netscape' nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l'opzione "Preferenze"
2. Scorri verso il basso fino a visualizzare i cookie sotto 'Privacy e sicurezza'
3. Seleziona 'Abilita i cookie solo per il sito di origine'

Opera
1. Fai clic su 'Menu' nella parte superiore della finestra del browser e seleziona "Impostazioni"
2. Quindi seleziona "Preferenze", seleziona la scheda 'Avanzate'
3. Quindi seleziona l’opzione 'Accetta i cookie "

 

Google Analytics

Questo sito web non utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google , Inc. ( "Google") .

 

Servizi linguistici