Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 942
Menu

Traduzione, modello della civiltà mediterranea

[Traduzione da El Mundo] di Cristina Maymó

Dalla Bibbia di Lutero a Tintin, passando per Aristotele e la stele di Rosetta, la traduzione modella la cultura mediterranea da secoli, anche se non tutto è traducibile, un paradosso che oggi viene messo in mostra a Marsiglia. La civiltà europea è stata costruita attraverso traduzioni del greco, del latino e dell’arabo, il primo motivo per cui la curatrice della mostra, Barbara Cassin, ha organizzato la mostra "Après Babel, traduire" (Dopo Babel, tradurre) inaugurata il 14 dicembre presso il Museo della civiltà europea e mediterranea (MUCEM) a Marsiglia.

"La diversità delle lingue sembra spesso un ostacolo alla creazione di una società coesa e una politica comune, ma questa mostra ribalta quest’idea e mette in evidenza come la traduzione è un ottimo modello per la cittadinanza di oggi", ha detto Efe Cassin."Se ci fosse una sola lingua in tutto il mondo, sarebbe molto più pratico, ma il mondo sarebbe molto meno ricco", ha affermato la filologa sulla mostra, aperta fino al 20 marzo. Attraverso una breve ma densa collezione di oggetti e installazioni interattive, di arte, mappe, libri e dipinti, la responsabile ricerca presso il Centro nazionale francese per la ricerca scientifica (CNRS) sviluppa in tre tappe l'essenza della professione del traduttore, "invisibile e dimenticato dalla cultura."

"La molteplicità delle lingue è una maledizione o una fortuna?" È la domanda che predomina la prima sezione grazie a diversi punti di vista sulla Torre di Babele e grazie a tentativi di un linguaggio universale, come l’Esperanto o i disegni mandati nello spazio con la sonda NASA Pioneer, per poter essere trovata da possibile vita extraterrestre.

In pochi passi, il visitatore vede come la parola "barbaro" nella Grecia antica ebbe la sua derivazione dall’onomatopeico "bla bla bla" e capisce quanto la traduzione sia importante e dipendente dal modo in cui viene considerato l'altro, lo straniero. Una volta accettata la molteplicità linguistica e la necessità di diffondere la conoscenza, la mostra disegna, nella sua seconda parte, un percorso seguito da opere come fumetti di Tintin o la Bibbia, le cui traduzioni di Lutero e re Giacomo "posero, rispettivamente, le basi della lingua tedesca e inglese ".

Tuttavia, il Vecchio Continente non è stato modellato solamente dalla conoscenza tradotta, ma anche dagli errori commessi in traduzione e quindi le varie domande di Cassin, tra cui, se l'albero del peccato era veramente carico di mele: "in latino, 'malum' con una 'a' breve', significa male mentre con una 'a' lunga significa 'mela'". Errori a parte, la cosa certa è che non esiste una singola traduzione per lo stesso testo e la visita esemplifica questo concetto con le differenti traduzioni delle storie di Edgar Allan Poe fatta in francese da Baudelaire, Mallarmé, Verlaine, Rimbaud, Valéry o Artaud.

Ci sono cose anche che non possono essere tradotte. La mostra si conclude con le versioni francesi di espressioni come "from lost to the river" - scritta in inglese, ma questo ha un senso solo facendo la traduzione in spagnolo colloquiale, "de perdidos al río" - e una collezione di parole per descrivere la nostalgia della "saudade" portoghese, dell’"enguayabado" in venezuelano o del "Fernweh" in tedesco.

 

Tuttavia, la mostra rivela un tema ricorrente espresso dalle parole di Cassin: "La traduzione non è proprio la stessa cosa, e non tutta un’altra cosa." Ciò che conta, alla fine, è ciò che esiste tra due lingue, perché l'azione della traduzione è "una via privilegiata per inventare 'tra' le lingue '.

ISSELservice

Via Trieste 4,

19020, Follo (SP)

Italia

Tel. (+39) 0187 941414

Fax (+39) 0187 941420

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sui Cookie

 

Cookie

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie. I cookie sono piccole porzioni di dati che ci permettono di confrontare i visitatori nuovi e quelli passati e di capire come gli utenti navigano attraverso il nostro sito. Utilizziamo i dati raccolti grazie ai cookie per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.

I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali  dati identificabili non verranno memorizzati. Se si desidera disabilitare l'uso dei cookie è necessario personalizzare le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l'applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione.

Visita AboutCookies.org per ulteriori informazioni sui cookie e su come influenzano la tua esperienza di navigazione.

I tipi di cookie che utilizziamo

Cookie indispensabili

Questi cookie sono essenziali al fine di consentire di spostarsi in tutto il sito ed utilizzare a pieno le sue caratteristiche, come ad esempio accedere alle varie aree protette del sito. Senza questi cookie alcuni servizi necessari, come la compilazione di un form per un concorso, non possono essere fruiti.

Performance cookie

Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano un sito web, ad esempio, quali sono le pagine più visitare, se si ricevono messaggi di errore da pagine web. Questi cookie non raccolgono informazioni che identificano un visitatore. Tutte le informazioni raccolte tramite cookie sono  aggregate e quindi anonime. Vengono utilizzati solo per migliorare il funzionamento di un sito web.
Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che tali cookie possono essere installati sul proprio dispositivo.

Cookie di funzionalità

I cookie consentono al sito di ricordare le scelte fatte dall’utente (come il nome, la lingua o la regione di provenienza) e forniscono funzionalità avanzate personalizzate. Questi cookie possono essere utilizzati anche per ricordare le modifiche apportate alla dimensione del testo, font ed altre parti di pagine web che è possibile personalizzare. Essi possono anche essere utilizzati per fornire servizi che hai chiesto come guardare un video o i commenti su un blog. Le informazioni raccolte da questi tipi di cookie possono essere rese anonime e non in grado di monitorare la vostra attività di navigazione su altri siti web.
Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che tali cookie possono essere installati sul proprio dispositivo.

Come gestire i cookie sul tuo PC

Se si desidera consentire i cookie dal nostro sito, si prega di seguire i passaggi riportati di seguito,

Google Chrome
1. Clicca su "Strumenti" nella parte superiore della finestra del browser e selezionare Opzioni
2. Fai clic sulla scheda 'Roba da smanettoni' , individua la sezione 'Privacy', e seleziona il pulsante "Impostazioni contenuto"
3. Ora seleziona 'Consenti dati locali da impostare'

Microsoft Internet Explorer 6.0, 7.0, 8.0, 9.0
1. Clicca su "Strumenti" nella parte superiore della finestra del browser e seleziona 'Opzioni Internet', quindi fai clic sulla scheda 'Privacy'
2. Per attivare i cookie nel tuo browser, assicurati che il livello di privacy è impostato su Medio o al di sotto,
3. Impostando il livello di privacy sopra il Medio disattiverai l’utilizzo dei cookies.

Mozilla Firefox
1. Clicca su "Strumenti" nella parte superiore della finestra del browser e seleziona “Opzioni”
2. Quindi seleziona l'icona Privacy
3. Fai clic su Cookie, quindi seleziona 'permetto ai siti l’utilizzo dei cookie'

Safari
1. Fai clic sull'icona Cog nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l'opzione "Preferenze"
2. Fai clic su 'Protezione', seleziona l'opzione che dice 'Blocco di terze parti e di cookie per la pubblicità'
3. Fai clic su 'Salva'

Come gestire i cookie su Mac
Se si desidera consentire i cookie dal nostro sito, si prega di seguire i passaggi riportati di seguito:

Microsoft Internet Explorer 5.0 su OSX
1. Fai clic su 'Esplora' nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l’opzione "Preferenze"
2. Scorri verso il basso fino a visualizzare "Cookie" nella sezione File Ricezione
3. Seleziona l'opzione 'Non chiedere'

Safari su OSX
1. Fai clic su 'Safari' nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l'opzione "Preferenze"
2. Fai clic su 'Sicurezza' e poi 'Accetta i cookie'
3. Seleziona “Solo dal sito”

Mozilla e Netscape su OSX
1. Fai clic su 'Mozilla' o 'Netscape' nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l'opzione "Preferenze"
2. Scorri verso il basso fino a visualizzare i cookie sotto 'Privacy e sicurezza'
3. Seleziona 'Abilita i cookie solo per il sito di origine'

Opera
1. Fai clic su 'Menu' nella parte superiore della finestra del browser e seleziona "Impostazioni"
2. Quindi seleziona "Preferenze", seleziona la scheda 'Avanzate'
3. Quindi seleziona l’opzione 'Accetta i cookie "

 

Google Analytics

Questo sito web non utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google , Inc. ( "Google") .

 

Servizi linguistici